La visione inaspettata di una balena bianca e delle terme siamo certi che vi stupirà, specialmente quando vi appariranno all’improvviso dal folto del bosco.

Nella Val d’Orcia, le terme di san Filippo sono una vera chicca per gli appassionati di  natura e trekking nel bosco. Infatti, nel corso degli anni, flussi di acqua sulfurea hanno creato uno scenario unico: cascate e vasche spiccano tra la rigogliosa vegetazione, abbracciate da formazioni calcaree così bianche e suggestive da sembrare un nevaio caldo.

La famosa balena bianca

La famosa balena bianca

Questa località, chiamata Fosso Bianco, è abbastanza estesa ma di facile accesso: si parcheggia nel borgo lungo l’omonima via e ci si inoltra nel bosco seguendo un sentiero segnalato, che conduce in breve tempo alle prime vasche. L’acqua non è molto profonda, né calda; le vasche migliori si trovano più avanti, dove la temperatura è più alta: è qui che la Balena Bianca sorveglia e protegge le vasche, vegliando sui bagnanti. Si tratta di un’imponente formazione calcarea che per la sua forma ricorda, appunto, una balena. Piccole cascate scendono dalle sue balze direttamente nelle piscine naturali, creando un’atmosfera magica.

L’area e le vasche di Fosso Bianco sono ad accesso libero, mentre un albergo termale presente nel bel borgo offre innumerevoli servizi dove l’acqua è protagonista.

Un luogo adatto a tutta la famiglia

Un luogo adatto a tutta la famiglia

Oltre alla citata balena bianca e alle terme, nei paraggi di questo luogo magico troverete la Grotta di San Filippo, una piccola cappella interamente scavata nella pietra dove il santo si nascose dopo aver rifiutato la prestigiosa elezione a Papa. Alcuni testi risalenti alla fine del ‘400 raccontano che Filippo, dopo essersi nascosto, usò un bastone per colpire una roccia: l’acqua sulfurea cominciò a sgorgare, dando origine alla prima fonte dei Bagni. Un segno di riconoscenza del santo verso le comunità del luogo, che lo avevano accolto e sostenuto.

La grotta di San Filippo

La grotta di San Filippo

Al di là della leggenda, Bagni San Filippo e le terme libere sono un luogo di riposo e armonia. Insieme a Bagno Vignoni  è uno dei tesori termali della Toscana che nascono alle pendici di un antico vulcano, il Monte Amiata. In pochi chilometri il paesaggio cambia e inoltrandosi in boschi freschi e rigogliosi si ha la sensazione di trovarsi a passeggiare in un altro tempo e in un’altra Toscana.

Info utili:

Non è necessaria una particolare attrezzatura, ma delle scarpe adeguate (da ginnastica o da trekking) sono consigliate per far fronte al sentiero a tratti sconnesso.

Sito web:  www.bagnisanfilippoterme.it

Come arrivare: