Il Parco delle Biancane o la Valle del Diavolo?

Soffioni! Bulicami! Putizze! Mofete! Sembra l’incipit di un incantesimo stregato, e forse le streghe hanno davvero il loro bel da fare nella Valle del Diavolo! Ci troviamo vicino a Monterotondo…

Soffioni! Bulicami! Putizze! Mofete!

Sembra l’incipit di un incantesimo stregato, e forse le streghe hanno davvero il loro bel da fare nella Valle del Diavolo!

Ci troviamo vicino a Monterotondo Marittimo, nel Parco delle Biancane, un luogo dai contorni sinistri, dove i muri fumano e il bianco del terreno si confonde con vapori di zolfo e segreti. Un luogo dove l’acqua ribolle, i vapori caldi ti scottano il viso e ti sussurrano all’orecchio sibili strani, quasi richiami infernali, e il terreno è adesso bianco come la neve, o rosso intenso a ricordare il fuoco dell’inferno.

Vi consigliamo di visitarlo nel pieno giorno, all’imbrunire diventa un luogo spettrale.

Ma andiamo con ordine.

Per trovare il Parco delle Biancane dovrete dirigervi verso Monterotondo, un piccolo paesino dell’entroterra della Maremma Toscana, e prendere come riferimento la strada che conduce al villaggio dei Lagoni: all’incrocio troverete le indicazioni per il parco.

Le indicazioni per arrivare all’entrata del sito geologico

Ed ecco che passata la prima curva i muri inizieranno a fumare e alla vista apparirà il Lagone Cerchiaio con i suoi affluenti infernali che portano acqua calda.

Canalette di acqua calda

Se vi addentrate nel percorso, arrivati al piazzale, accedete alle scalette e troverete la sorgente di Chiorba, dove l’acqua ha una temperatura di “solo” 50 gradi. Proseguite in salita ed ecco le putizze e le fumarole che si presentano ai vostri occhi.

A proposito, ancora non vi abbiamo chiarito il significato della formula magica “stregata”:

  • Putizze: emanazioni di vapore ricche di idrogeno solforato
  • Soffioni: getti di vapore dal terreno asciutto
  • Bulicami: raccolte fangose in continuo ribollimento dovuto ai gas endogeni
  • Mofete: emanazioni di anidride carbonica gorgoglianti in acqua

La laguna naturale

Proseguite nel tragitto fra le putizze e vedrete il terreno cambiare colore dal rosso intenso, al giallo ocra per finire con un bianco luminoso.

La vegetazione? Piccole piante che si sono adattate al clima stravolgendo misteriosamente la loro natura originaria. Da qui in 10 minuti potrete raggiungere la parte alta del Parco delle Biancane, da dove nelle giornate terse, potrete vedere la costa da Piombino a Punta Ala.

La costa vista dal Parco

La vista sul paesino di Monterotondo

A questo punto non vi resta che perdervi nei boschi intorno al Parco, i percorsi trekking sono numerosi e con diversi livelli di difficoltà. E se mentre camminate sentite rumori sinistri, sibili e sbuffi caldi– attenti che le streghe non vi stiano facendo uno dei loro scherzetti!

Qui trovate la mappa del percorso, ma potete reperire maggiori informazioni nel sito ufficiale del turismo del comune di Monterotondo Marittimo.

Il percorso delle biancane

Dove dormire

Puntala Camp & Resort

Come arrivare

Galleria fotografica

Nessun commento su Il Parco delle Biancane o la Valle del Diavolo?

Cosa vedere a Scarlino, il Borgo medievale in Maremma

Scarlino è un piccolo borgo medievale arroccato sul Monte d’Alma a 250 mt sul mare e la sua estensione tocca i comuni di Castiglione della Pescaia, Massa Marittima e Gavorrano….

Scarlino è un piccolo borgo medievale arroccato sul Monte d’Alma a 250 mt sul mare e la sua estensione tocca i comuni di Castiglione della Pescaia, Massa Marittima e Gavorrano.

Questo piccolo comune della Maremma Toscana merita sicuramente una visita per l’atmosfera intima che vi avvolge passeggiando nei suoi vicoli stretti, e per l’aria Medievale che si respira camminando dentro le sue mura.

Il simbolo del paese, che troverete in ogni foto che lo rappresenta, è la Rocca Pisana,  le cui prime origini sono state datate intorno al X secolo d.C. e da cui si può ammirare uno splendido panorama che spazia su tutto il golfo di Follonica.

La Rocca Pisana

La Rocca Pisana

Scarlino è ricca di testimonianze architettoniche storiche, che si affiancano a piccoli ristorantini dove assaggiare la tipica cucina Maremmana, ed è inoltre dotato di un moderno porto turistico: la Marina di Scarlino. La Marina deriva dall’antico “Portus Scabris”, scalo dedito al commercio del minerale ferroso dell’isola d’Elba, vino, olio e vasellame fin dall’epoca Romana.

Una giornata a Scarlino

Pensate a una giornata ventosa, o ad una di quelle con una pioggerellina uggiosa, persino in piena estate. Avete voglia di fare qualcosa di diverso e non vi va di andare al mare. Ecco cosa potete fare nei dintorni di Scarlino:

  • Kite Surf: la spiaggia del Surf Relax, al Puntone di Scarlino è quello che fa per voi. Potete avvicinarvi a questo sport prendendo una lezione privata o noleggiando l’attrezzatura della scuola.
  • Una visita al paese e alla sua rocca. Perdetevi nei vicoli stretti e pieni di fiori o fate due chiacchiere con gli abitanti del paese. Prendetevi del tempo per ascoltare i loro aneddoti che raccontano di un borgo antico perso nel tempo
  • Visitate la spiaggia di Cala Violina. Sapete che è possibile andarci anche a cavallo?
  • E se ancora non ne avete abbastanza, perchè non fermarsi alla Marina di Scarlino per un lungo aperitivo al tramonto sul porto?

Come arrivare

Galleria fotografica

 

 

 

 

 

Nessun commento su Cosa vedere a Scarlino, il Borgo medievale in Maremma

Ristorante La terra di Nello

Target: carne Classificazione: gruppi, famiglie, coppie e bambini. Possibilità di mangiare all’aperto  Prodotti: pasta e tagli particolari di carne Toscana. Bistecca Fiorentina Cucina: bistecca Fiorentina alla brace, salumi e formaggi Toscani Piatto tipico: bistecca…

  • Target: carne
  • Classificazione: gruppi, famiglie, coppie e bambini. Possibilità di mangiare all’aperto 
  • Prodotti: pasta e tagli particolari di carne Toscana. Bistecca Fiorentina
  • Cucina: bistecca Fiorentina alla brace, salumi e formaggi Toscani
  • Piatto tipico: bistecca Fiorentina e tartare
  • Fascia di prezzo: €45 – €60 a testa
  • Orari di apertura: tutti i giorni in estate- 19:00 – 00:00. Aperto domenica a pranzo
La Terra di Nello, l'esterno

La Terra di Nello, l’esterno

La Terra di Nello, tagliere Toscano

La Terra di Nello, i piatti principali

La Terra di Nello, i piatti principali

Nessun commento su Ristorante La terra di Nello

Kitesurf nella Maremma Toscana

La costa, da Follonica fino al Monte Argentario, è ricca di spot dove poter fare kite surf. Nei mesi estivi, da marzo a ottobre, ci sono venti termici che, soffiando da ovest e da…

La costa, da Follonica fino al Monte Argentario, è ricca di spot dove poter fare kite surf.

Nei mesi estivi, da marzo a ottobre, ci sono venti termici che, soffiando da ovest e da nord-ovest, scorrono lungo la costa e la rendono il luogo ideale per praticare il kitersurf. In questo articolo vi presentiamo i tre punti più vicini al Puntala Camp & Resort  dove potrete praticare questo sport e dormire immersi nella natura.

Kitesurf spots

Castiglione della Pescaia: fondale sabbioso e forte termico da ovest – nord ovest in grado di raggiungere anche i 20 nodi creano condizioni di acqua piatta. I venti ottimali sono quelli del quadrante occidentale mentre quelli orientali vengono da terra.

Kite Beach Fiumara

Puntone beach: qui i venti sono più moderati rispetto a Castiglione della Pescaia, adatto soprattutto ai principianti.

Surf Relax – Puntone

Marina di Grosseto: ampia spiaggia sabbiosa e priva di ostacoli, in estate è presente un termico da nord ovest che raggiunge i 20 nodi

PKS Beach – Castiglione della Pescaia

La Pks beach, vicino Marina di Grosseto

La Pks beach, vicino Marina di Grosseto

La scuola e il punto noleggio nella spiaggia del Puntone

La scuola e il punto noleggio nella spiaggia del Puntone

20081015_untitled_4811

20081015_untitled_9186

20090917_untitled_

Periodo

Le scuole sono aperte tutto l’anno, il vento non manca mai! Non vi resta che prendere la vostra attrezzatura e venire a trovarci!

Puntala Camp & Resort

 

Nessun commento su Kitesurf nella Maremma Toscana